Testimonianze di alcuni (ex) studenti

Alcuni studenti ed ex-studenti (italiani e stranieri) che hanno studiato nella sede di Gorizia dell'Università degli Studi di Udine, hanno lasciato la loro testimonianza.

Matteo Nicoletti

Ex studente, Cego
Inutile dire che ricordo con una certa nostalgia i miei anni universitari a Gorizia. E’ lo scotto che devi pagare quando il tempo mette un po’ distanza tra te e dei bei momenti.
Però questo aiuta a rispondere alla domanda: potendo tornare indietro lo rifaresti?
Sì. Tutto. Dall’inizio.
Gli anni passati frequentando il corso di Laurea in Relazioni Pubbliche sono e saranno un ricordo indelebile che non sbiadirà grazie alle persone incontrate in quel periodo e che ancora mi accompagnano, ma anche grazie alle esperienze che il Corso di Laurea mi ha offerto. La dimensione stessa del corso è quella giusta per non diventare soltanto un numero di matricola, per poter avere un rapporto più umano con il corpo docente e per poter cogliere le opportunità che vengono date. A questo proposito ho un consiglio (ebbene sì qualche capello bianco si palesa è dunque ora di dare consigli): approfittate il più possibile delle esperienze di formazione offerte dal Corso, scegliete con cura i vostri tirocini e se potete andate oltre quelli necessari al numero di crediti richiesto. Arriverete al primo colloquio portando con voi non solo l’esperienza accumulata grazie ai tirocini ma anche la consapevolezza (o perlomeno una certa idea) di quello che volete e non volete fare nella vostra futura professione. Inoltre dimostrerete al vostro intervistatore che anche se non avete 10 anni di esperienza sulle spalle, avete voglia, determinazione ed entusiasmo che potete mettere al servizio della causa. Difficile rinunciare a questi che sono tratti fondamentali di una “buona risorsa”.
Ultimo consiglio: scegliete un programma di studio/lavoro all’estero. E’ un tassello importante per la vostra futura professione. Troverete ad attendervi una esperienza che non potrete dimenticare dal punto di vista umano, e culturale e chi vi potrà facilitare nella ricerca di un lavoro.
In bocca al lupo,
Matteo


2000-2003 Laurea Triennale in Relazioni Pubbliche, Comunicazione Pubblicitaria
2004-2006 Laurea Magistrale in Relazioni Pubbliche d'Impresa


2015 ad oggi Brand Manager Santa Margherita Gruppo Vinicolo SpA - Wine Industry
2012-2015 Product Marketing Manger ABM Italia SpA -Plastic Consumer Industry
2008-2012 Product Manger ABM Italia SpA - Plastic Consumer Industry
2007-2008 Communication Manager ABM Italia SpA - Plastic Consumer Industry
2006-2007 Product Manger Sportarredo - Beauty&Cosmetics Industry
2004-2006 Junior Account Plurima Relazioni Pubbliche – PR&Communication Agency

Federico Vanone

Ex studente, Cego
Gli anni della mia esperienza universitaria goriziana rappresentano un periodo della mia vita al quale guardo ancora con estrema nostalgia. Sono stati anni di ricerca appassionata ma anche di grande spensieratezza. Il respiro internazionale della facoltà, il suo approccio fortemente laboratoriale e la preparazione e la passione dello staff dei professori, tecnici e ricercatori rendono il DAMS di Gorizia qualcosa di raro e prezioso, utile non solo dal punto di vista della crescita professionale ma anche sul piano della crescita personale. Vitale per la mia carriera lavorativa, in particolare, recentemente, nel campo degli effetti visivi, è stata l'approfondita conoscenza tecnica della cinematografia (dispositivi, formati, metodi e strumenti della post-produzione).


2005 - 2008 - Laurea triennale DAMS Cinema (Università degli studi di Trieste)
2009 - 2011 - Laurea magistrale DAMS Cinema (Università degli Studi di Udine)

2011 - 2014 - Videomaker freelance
2014 - 2015 - Digital specialist - Design Labcom, Udine
2016 - Oggi - 3D Artist - Time Based Arts, Londra

Federico Filippa

Ex studente, Cego
Ricordo ancora il primo giorno di corso, il primo anno in cui partì la Laurea in Relazioni Pubbliche. Sono passati molti anni da allora, ma la qualità dell’insegnamento mi ha dato solide basi per poter ambire a traguardi professionali sempre più importanti e ambizioni. Con un costante impegno a seguire sempre i nuovi trend della comunicazione, perché non si smette mai di apprendere.


1998 - 2002: Laurea Triennale in Relazioni Pubbliche
2003 - 2004: Laurea Magistrale in Comunicazione Integrata per le Imprese e le Organizzazioni

2002 – 2006: Giornalista - Editoriale FVG S.p.A. “Il Piccolo”
2003: Press and Media Relations Assistant - Permanent Mission of Italy to the United Nations
2004 – 2005: Account Executive - I.C.S. International Conference Service S.r.l.
2005 – 2006: Press and Media Relations Assistant - Siemens Italia S.p.A.
2006 – 2011: Senior Account Executive - Hill + Knowlton (WPP Group)
2011 – 2012: Corporate Communication Manager and Social Media Marketing Specialist - Alcantara S.p.A.
2012 –2014: Communication, Public Affairs and Social Media Manager - NH Italia S.p.A. (NH Hotel Group)
2015 – oggi: Head of PR & CSR- Schibsted Italy (Schibsted Media Group)

Valeria Degano

Ex studente, Cego
Un’illuminazione improvvisa, un’idea che ha iniziato a frullarmi in testa dopo una giornata trascorsa ai Rizzi per il Salone dello Studente. Il mio rapporto con le Relazioni Pubbliche è nato così, quasi per caso: una lettura veloce del libretto informativo del corso, un pensiero più o meno meditato, e poi la scelta definitiva maturata già nel mese di luglio.
Gli anni del triennio sono trascorsi velocemente, tra i tanti corsi a Gorizia e i vari impegni extra universitari: in quel periodo giocavo a calcio a livello professionale (non posso ahimè utilizzare il termine “professionistico” anche se giocavo in Serie A… ) e passavo le mie giornate tra i libri e i campi da gioco. Un dualismo che mi ha accompagnato durante tutta la mia carriera universitaria e che ha influenzato sia la scelta del primo tirocinio curricolare che quella della tesi di laurea triennale. È stato per “colpa” della mia grande passione che, una mattina fredda di gennaio, ho deciso di bussare alla porta della redazione di Tremilasport - magazine che tratta in maniera approfondita
tutto lo sport regionale - per propormi per un tirocinio. Lì ho trovato un direttore responsabile, il caro Edi Fabris, che mi ha spiegato i primi rudimenti del mestiere aiutandomi a crescere sia sotto il profilo umano che di quello giornalistico. Un’esperienza fantastica, che mi ha portato a ottenere nel 2014 la tessera da giornalista pubblicista e appena un anno dopo a vincere il premio Ezio Lipott consegnatomi dall’USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana) al Circolo Regionale della Stampa. Più che un riconoscimento, vista la carriera appena iniziata, mi piace vederlo come un augurio che i giornalisti ormai riconosciuti riservano ai giovani che desiderano misurarsi in un settore purtroppo al momento in estrema crisi.
Prima di ricevere questo fantastico premio però ho fatto in tempo a laurearmi in Relazioni Pubbliche portando in sessione di laurea una tesi su Calciopoli, uno degli scandali sportivi più gravi e conosciuti della storia calcistica italiana. La mia idea è stata quella di indagare - sia in modo quantitativo che qualitativo - come i mass media hanno affrontato la questione, come i giornalisti hanno vissuto e riportato i fatti. È stato un lavoro che mi ha portato indietro nel tempo: sfogliare i vecchi giornali e sentire il profumo della carta stampata ha accresciuto in me la passione per la scrittura.
Dopo la laurea ho deciso di continuare gli studi intraprendendo la loro naturale continuazione ossia iscrivendomi a Comunicazione integrata per le imprese e le organizzazioni. I due anni della specialistica sono passati molto velocemente e mi hanno visto molto più partecipe della vita universitaria. Durante il secondo anno ho fatto la tutor del corso di laurea, un’esperienza che mi ha dato modo di entrare in contatto diretto con l’ambiente universitario e partecipare attivamente alla vita del Polifunzionale aiutando a organizzare manifestazioni come Il Salone dello Studente, il Welcome Aboard e l’Opportunity Day.
Proprio durante l’Opportunity Day sono entrata in contatto con il mio attuale lavoro: la Wordpower srl, agenzia di comunicazione con sede a Trieste, offriva la possibilità di fare un tirocinio durante la Barcolana, l’evento velico più famoso di Trieste.
Un’idea che mi ha subito entusiasmato, un’opportunità che ho colto al volo, senza esitazione.
Se vi dicessi che non è stato un tirocinio impegnativo non sarei sincera: è stato come entrare in un frullatore, tutto andava 10 volte più veloce di quello a cui ero abituata.
È stata però un’esperienza fantastica che mi ha fatto capire, finalmente, cosa avrei voluto fare realmente da grande. Non la calciatrice, non la giornalista (o almeno non solo) ma lavorare per un’agenzia di comunicazione. Un lavoro difficile, senza orari, senza weekend, ma bellissimo e pieno di stimoli positivi. Un lavoro dove di rado fai più volte la stessa cosa, dove ogni cliente è diverso e ha esigenze distinte che tu devi capire, elaborare e metter in atto al meglio.
Per fortuna dal tirocinio curricolare siamo passati a quello post laurea insieme a Garanzia Giovani (fatelo ragazzi, è un’opportunità da cogliere al volo!) fino ad arrivare a un apprendistato di 3 anni.
Tutto in poco più di un anno!
Come ripeto sempre a tutti, il corso di laurea in Relazioni Pubbliche offre una miriade di opportunità: basta guardarsi intorno e fare più esperienze possibili accendendo il cervello e mettendosi a disposizione. Perché, come mi dice sempre la mia titolare, Francesca Capodanno: impara e sorridi!


2009-2013 Laurea Triennale in Relazioni Pubbliche
2014-2016 Laurea Magistrale in Comunicazione Integrata per le Imprese e le Organizzazioni

2013-oggi collaboratrice per Tremilasport
2014-oggi Giornalista Pubblicista
2017-oggi Junior Account Wordpower srl

Massimiliano Moschin

Ex studente, Cego
Ho iniziato l’Università con un’idea, volevo diventare un giornalista professionista, realizzare inchieste e scrivere libri, ma l’ho finita con un’altra, quella di essere un professionista del mondo della comunicazione d’impresa. Il ponte fra le due idee me l’ha fornito l’Università, dandomi gli strumenti per muovermi agilmente nel mondo del lavoro, ma soprattutto fornendomi un “modus pensandi”, come amava ripetere uno dei professori da cui ho avuto il piacere di imparare, che mi torna utile ogni giorno. L’esperienza dell’Università, affiancata al mondo del lavoro verso cui mi sono affacciato presto, grazie all’opportunità dello stage e delle conseguenti porte che mi ha aperto, è stata un’eccezionale palestra per quello che volevo diventare. Frequentare i corsi di Gorizia mi ha arricchito anche umanamente, mi ha permesso di conoscere bravissimi colleghi con cui ho anche avuto il piacere di collaborare professionalmente e di avere un’esperienza formativa eccellente dandomi la possibilità di apprendere da docenti di ottimo livello, provenienti dal mondo accademico e professionale.
Il mio percorso universitario mi ha fornito il biglietto da visita per le esperienze lavorative che ho avuto la fortuna di fare, l’ultima e la più avvincente è quella di seguire la nascita, la crescita e lo sviluppo di un’azienda da zero. L’avventura è già iniziata e le cose da fare sono ancora tante, ma sono fiducioso, anche grazie al bagaglio di competenze che ho imparato qui.
Grazie Uniud!


2008-2011 Laurea Triennale in Relazioni Pubbliche
2011-2013 Laurea Magistrale in Comunicazione Integrata per le Imprese e le Organizzazioni

2010-2014 Progetti e collaborazioni per Art&fortE, Rotary Club Treviso Terraglio, Alistar Bike, PMV Spa, Skal International Club Venezia, Red Rose Parrucchieri
2014 Membro dello staff di un candidato per le primarie di coalizione alla carica di Presidente di Regione
2015-oggi Responsabile Operazioni e Marketing Uelcom Srl (Innovation Factory - Area Science Park)

Elisa Turrin

Ex studente, Cego
Ho intrapreso il mio percorso di studi a Gorizia nel 2010, iscrivendomi al Corso di Laurea Magistrale in Comunicazione integrata per le imprese e le organizzazioni. Oltre ad innamorarmi della città, tranquilla e a misura d'uomo, ma al tempo stesso ricca di stimoli per noi giovani, ho trascorso questi due anni in un piacevole ambiente universitario: strutture adeguate ed efficienti, docenti professionali, preparati e sempre disponibili, con i quali è possibile instaurare dei veri rapporti umani. Inoltre, vi sono ottime proposte di tirocinio e la possibilità di aderire a UniFerpi: due esperienze che consiglio a tutti i futuri studenti per avere una preparazione a 360° nel bellissimo mondo delle Relazioni Pubbliche!


2006-2009: Laurea Triennale presso l'Università IULM di Feltre
2010-2012: Laurea Magistrale, Comunicazione integrata per le imprese e le organizzazioni

Membro di UniFerpi da ottobre 2011

Rudi Vittori

Ex studente, Cego
Era un sabato di settembre del 2008 e, a margine di un convegno, mi stavo riparando dalla pioggia, sotto al porticato dell’albergo che ci ospitava, a Cimolais in Val Cellina.
Ero lì che chiacchieravo tranquillamente con alcuni amici quando, dal capannello delle signore, che erano a qualche metro di distanza, sentii chiara la frase proferita da mia moglie “…tu sei pazza che io faccia una cosa del genere. Chiedi a Rudi, lui fa tutto…”. Alla mia richiesta del perché fossi stato chiamato in causa, l’amica di mia moglie venne da me, visibilmente entusiasta di quanto stava per propormi e mi parlò di un corso di relazioni pubbliche on-line.
Devo dire che la cosa mi interessò fin da subito. Dal 2005, anno in cui in famiglia avevamo deciso di chiudere per sempre il televisore e di dedicare quel tempo ad attività più appaganti, avevo comperato una marea di libri di management per rimanere aggiornato, per il mio lavoro. La maggior parte di questi, però, rimaneva intonsa, a far bella mostra di se sugli scaffali della libreria di casa.
Il motivo era semplice. Alla sera, provato da una giornata di lavoro e di chilometri percorsi in automobile per andare da un Cliente all’altro, preferivo addormentarmi leggendo un buon libro di letteratura piuttosto che sfogliare pagine e pagine che trattavano di argomenti di cui mi occupavo quotidianamente.
L’iscrizione ad un corso universitario mi avrebbe obbligato a studiare per poter superare gli esami e questo mi avrebbe permesso di aggiornarmi professionalmente.
Appena rientrato a casa andai subito a visitare il sito Web che mi era stato indicato e immediatamente venni preso nelle spire del meccanismo, anche perché i corsi, oltre a trattare materie per me di uso quotidiano, avevano un ampio respiro culturale e proponevano argomenti molto interessanti che non avrei avuto modo di affrontare nella vita di tutti i giorni.
Ero un po’ preoccupato per la mia età. All’epoca avevo 52 anni e mi sentivo fuori luogo a percorrere i corridoi dell’Università e sostenere gli esami assieme a ragazzi che avevano l’età dei miei figli.
La domenica telefonai ad una mia compagna di Liceo che era anche una docente e il motore
del corso. Lei mi disse una cosa che sul momento mi sbilanciò parecchio: ”Rudi, ricordati che
si tratta di un corso di laurea, non di un corso dell’Università della terza età. Se ti iscrivi devi
sapere che dovrai impegnarti parecchio per riuscire a superare gli esami”.
Questa fu la sfida. In quel preciso momento decisi di iscrivermi. Era lunedì mattina quando
consegnai le carte in segreteria. Tre giorni prima non sapevo neppure che cosa fosse RPOL.
Ero una “matricola”. Che eccitazione. Alla mia età stavo iniziando qualche cosa di nuovo. Ero
nuovamente, dopo tanti anni dall’ultima volta, un principiante.
Al primo incontro in presenza, però, capii di non essere solo. Soldati sbandati, reduci
di battaglie perdute, si aggiravano per i corridoi. Padri di famiglia, mamme lavoratrici,
sindacalisti, impiegati dell’INPS, si mescolavano a studenti più o meno imberbi. Una
popolazione quanto mai eterogenea che si apprestava a diventare una tribù.
I tre anni che seguirono furono tra i più belli della mia vita. Il corso mi ha fatto conoscere delle
bellissime persone. Non solo studenti, ma anche docenti che raramente mi superavano per età
anagrafica. Le amicizie che sono sbocciate tra i corridoi virtuali della piattaforma informatica
dove si tenevano le videolezioni si sono rafforzate nel tempo e le occasioni di ritrovarsi al di
fuori dei momenti canonici del corso di laurea sono state moltissime.
Abbiamo fondato un gruppo di supporto allo studio che oggi conta più di duecento iscritti
e che, appoggiandosi alla struttura sociale di Facebook, permette agli iscritti di scambiarsi
opinioni, files, suggerimenti. Di sostenersi nei momenti di crisi, di gioire assieme dopo un
esame superato.
Il tempo è volato. Complessivamente ho contato 34 esami. Ufficialmente sono molti di meno,
ma tra scritti e orali, questo è il numero di volte che mi sono seduto ad un banco a meditare
sul compito o a rispondere alle domande del carnefice di turno.
Ma sono passati allegramente. Gli strumenti tecnologici di comunicazione ci hanno permesso
di creare una bellissima squadra che era presente ad ogni appello d’esame, che poi finiva
inevitabilmente in un momento conviviale. Ricordo con particolare affetto le serate passate
davanti al computer, nel corso di videolezioni nelle quali non si sapeva chi fosse più stanco, se
il docente o i discenti, a scambiarci battute su Skype, commentando, come ragazzini a scuola,
nascosti dietro ai voluminosi vocabolari, quello che accadeva nell’aula virtuale.
Non sono mancati i momenti difficili. L’unico vantaggio rispetto a quando frequentavo
l’Università da studente “normale” era che non dovevo più rendere conto dei risultati ai miei
genitori, e quindi affrontare gli esami era molto, ma molto più rilassante.
Nel novembre dello scorso anno mi sono laureato. In corso perfetto, con una media
apprezzabile e con la nostalgica e triste certezza che anche questa parentesi della mia vita si
era conclusa e quegli splendidi momenti che avevo vissuto con i miei compagni di avventura
non sarebbero mai più ritornati, ma con la certezza di avere vissuto una grande esperienza e
di avere ricevuto moltissimo dai miei compagni di viaggio.


2008-2011, Corso di Laurea Triennale in Relazioni Pubbliche
Consulente di organizzazione aziendale. Imprenditore nei servizi consulenziali.

Samantha Bernardis

Ex studente, Cego
Mi chiamo Samantha Bernardis e sono laureata in Comunicazione Integrata per le Imprese e le Organizzazioni. Perché mi sono iscritta proprio a questo corso?. Nel 2009, quando decisi di immatricolarmi all'Università ero in procinto di concludere un'esperienza lavorativa di Ufficio Stampa presso un'associazione culturale udinese e, volendo continuare a lavorare in tal settore, avevo deciso di iscrivermi nuovamente all'Università per approfondire argomenti relativi alla comunicazione e al Marketing.
Optai per questo corso di studi perché proponeva degli esami che, secondo il mio personale punto di vista, rispondevano alle attuali richieste del mondo lavorativo. Ora, concluso il percorso, non mi sono pentita della scelta fatta. È stato un corso di studio pienamente rispondente alle mie aspettative: ho approfondito temi e problemi cui mi ero trovata di fronte durante la precedente attività di Ufficio Stampa. Oltre agli esami, il corso di studio offre la possibilità di fare esperienze direttamente sul campo, sia attraverso lo svolgimento di tirocini quanto prendendo parte alle attività dei laboratori di ricerca coordinati dagli stessi docenti della facoltà. Sono entrata a far parte del gruppo di ricerca SASWEB, coordinato dalla prof.ssa Antonina Dattolo, che si occupa di attività di ricerca nell'ambito del Web tradizionale e del Web 2.0. All'interno del laboratorio ho potuto mettermi in gioco, applicando direttamente su casi pratici le conoscenze acquisite durante le lezioni. L'esperienza è stata talmente intensa e stimolante che si è prolungata anche dopo la Laurea, offrendomi la possibilità di svolgere collaborazioni e attività lavorative all'interno del gruppo. Si tratta di esperienze ancora più interessanti perché legate al mio interesse principale, il Web. Accanto a SASWEB, gli altri laboratori attivi presso il centro polifunzionale di Gorizia sono il Larem, il Roc, l'ADLAB@GO. Prendere parte ad un laboratorio è un'esperienza da non sottovalutare, considerando che le attività di questi laboratori sono fonte di occasioni formative, opportunità, contatti e relazioni con professionisti della regione e non solo.


2009-2012, Corso di Laurea Magistrale: Comunicazione Integrata per le Imprese e le Organizzazioni
Collaborazione con SASWEB e iscritta al Master Universitario di ricerca scientifica in "Gestión de Información en las Organizaciones", Murcia - Spagna.

Leonardo Maschietto

Ex studente, Cego
RPOL (Relazioni Pubbliche nella modalità online) è un corso particolare, che permette utilizzando l'e-learning un tipo di studio ed apprendimento particolarmente adatto alle esigenze dello studente lavoratore o che per diversi motivi non può frequentare un corso frontale.
RPOL impegna lo studente in modo diverso dal corso frontale: è un corso che comporta un alto grado di autogestione, e di responsabilità verso quanto si è deciso di fare.
È al tempo stesso un impegno anche per i professori, che illustrano con pazienza e - perchè no - con sacrificio il "sapere" nella piattaforma online, in orari durante i quali loro stessi potrebbero dedicare il proprio tempo alla famiglia o alle loro attività extra lavorative.
L'entusiamo dei professori non è mai stato smorzato dai tagli del Ministero, nè è stata vanificata la volontà di formare ed accompagnare gli studenti nelle chat "online" e nelle lezioni in presenza con fermezza e costanza nel cammino verso il traguardo finale.
È stata un'esperienza ricchissima di entusiasmo e condivisione, un vero "campus online".
Un'aggregazione virtuale che trovava la sua realizzazione nei momenti di studio reale nelle classi universitarie, e nel ritrovarsi di persona, rinnovando l'amicizia costruita online, agli appelli e nei momenti conviviali.
La prof. Bombi - coordinatrice del Corso - ha sempre usato con gli studendi questa citazione "per aspera ad astra". Nulla si ottiene senza fatica, senza studio.
Un corso online non è il fratello minore del corso frontale.
Credere all'e-learning, alle piattaforme didattiche appositamente create dai professori di informatica è il modo per riconoscere l'uso degli strumenti informatici ben oltre la frequentazione dei social network, è la coniugazione di una formazione di alto livello con l'utilizzo dei mezzi tecnici che permettono lo studio a distanza.


2007-2010, Corso di Laurea Triennale in Relazioni Pubbliche modalità online
Direz. commerciale di un primario gruppo italiano

Tatiana Tonizzo

Ex studente, Cego
Gorizia è una piccola di città di confine con un'eredità storica eccezionale ed una posizione geografica incantevole, a due passi dai splendidi vigneti del Collio e dal mare. Il clima culturale è molto interessante e stimolante e la facoltà di Relazioni Pubbliche si inserisce molto bene in questo contesto: l'Università di Udine ha saputo sfruttare al meglio gli spazi a disposizione e fornendo degli strumenti di lavoro all'avanguardia e delle ottime opportunità di tirocinio. Inoltre il corpo docenti è molto giovane e motivato, arricchito anche da professionisti del settore che completano la formazione teorica con un'indispensabile punto di vista "pratico"."


1999-2003, Corso di Laurea in Relazioni Pubbliche del vecchio ordinamento
Head of brand communication presso Cappellini (Milano)

Maria Missoni

Ex studente, Cego
Il corso di laurea in Relazioni pubbliche permette, attraverso una strutturazione didattica che spazia dal diritto all’economia e dalle lingue straniere alla psicologia sociale, di comprendere meglio il quadro politico e geopolitico attuale e di utilizzare le competenze acquisite in maniera specifica in diversi contesti. È necessario sapere che il percorso di perfezionamento professionale dev’essere permanente."


1999-2004, Corso di Laurea in Relazioni Pubbliche del vecchio ordinamento
Consulente per le attività di comunicazione ed informazione dell'Autorità di Gestione del POR FERS 2007 – 2013 presso il Servizio Gestione Fondi Comunitari della Regione Friuli Venezia Giulia.

Tanja Lunardelli

Ex studente, Cego
Terminate le scuole superiori ho deciso di assecondare il mio amore per il cinema iscrivendomi al Dams dell’Università di Udine. Presso la sede di Gorizia ho trovato un ambiente molto stimolante, grazie a docenti preparati, capaci non solo di trasmettere nozioni ma soprattutto di infondere curiosità e di incoraggiare gli studenti a sviluppare i loro reali interessi nel campo del cinema e dell’audiovisivo.
Grazie al tirocinio del terzo anno di Laurea Triennale ho fatto la mia prima esperienza su un set cinematografico, in seguito alla quale ho deciso di specializzarmi nell’ambito dell’organizzazione e della produzione cinematografica.


2003-2006, Corso di Laurea Triennale in DAMS, curriculum cinematografico
2006-2008, Corso di Laurea Specialistica in Discipline del Cinema
Assistente di Produzione presso la casa di produzione cinematografica F.&M.E. – Film & Music Entertainment a Londra.

Giulio Casagrande

Ex studente, Cego
L'unica cosa che mi sento di dire a coloro che vogliono iniziare un percorso come il mio, o similare, è di non lasciarsi ammaliare da scuole universitarie private in comunicazione solo perché promettono posti di lavoro e progetti internazionali. La professionalità dei docenti trovati nel mio percorso di studi e la qualità dei workshop ha superato di gran lunga qualsiasi mia aspettativa. Ed è anche grazie a questo sistema di studio che sono riuscito ad arrivare in poco tempo dove sono ora.

2006-2009, Corso di Laurea Triennale in Relazioni Pubbliche
Giornalista pubblista, Fashion Editor e Stylist.

Viviana Capurso

Ex studente, Cego
Nella mia vita ho fatto cose che voi umani non potete immaginare. Ho iniziato a lavorare a Milano come creativa in pubblicità "facendo gli slogan e gli spot", poi come strategic planner, occupandomi di strategie di comunicazione e trend hunting nell'ambito degli eventi e dell'ufficio stampa, infine - continuando a lavorare come free lance - sono tornata a Gorizia, ho preso la laurea specialistica con una tesi in strategia aziendale, sono cultore di economia aziendale e talvolta insegno persino all'Università. Tutto questo poteva accadere solo a Gorizia, dove sono riuscita a far convivere l'anima da creativa con quella di aziendalista. Perché, come sono solita dire, un giorno il creativo e l'aziendalista pascoleranno assieme. Non faranno nè male nè danno. "


2000–2003, Corso di Laurea Triennale in Relazioni Pubbliche, Comunicazione pubblicitaria
2008-2010, Corso di Laurea Specialistica in Relazioni Pubbliche d'Impresa
Senior strategic planner e responsabile comunicazione coordinata presso l'agenzia di comunicazione Comunicazione Fusion (Milano)

Serena Rossi

Ex studente, Cego
Perchè ho scelto Relazioni Pubbliche? Diploma di maturità tecnico-commerciale, il naturale proseguimento sembrava essere un percorso di laurea incentrato su materie economiche. Ne ero fortemente convinta , al punto da aver sostenuto e superato il relativo test di ingresso, presso Ca' Foscari. Un primo viaggio all’estero e un lavoretto serale a stretto contatto con le persone (lavoravo come istruttrice di nuoto), mi hanno fatto capire che forse non ero fatta per vivere di soli numeri; la relazione interpersonale, lo scambio, il confronto erano diventati, e sono tuttora, assolutamente necessari. Eccoci arrivati al punto: ho scelto Relazioni Pubbliche perchè ho pensato che fosse il percorso più diretto per inserirmi nel contesto dove desideravo lavorare. Il mio desiderio era un contesto aziendale, possibilmente multiculturale/multinazionale (ho sempre amato le lingue straniere) e necessariamente in una funzione dove le capacità comunicative e relazionali fossero imprescindibili.
Ho frequentato e portato avanti la triennale in tempi rapidi; ho proposto il tirocinio che mi ha portata a scrivere una tesi di laurea sul marketing relazionale applicato alla gestione di un impianto sportivo (e qui torna l’immancabile piscina).
Dopo due diversi tirocini estivi (Ufficio Relazioni Esterne presso Provincia di Udine e trasmissione televisiva "Conosciamoci", presso emittente locale "Telefriuli"), avrei dovuto cominciare a lavorare in un’agenzia di comunicazione ma qualcosa non è andato per il verso giusto. Al che ho scelto di cambiare rotta e mi sono iscritta alla specialistica in Relazioni Pubbliche d’impresa. Ho addocchiato un bando a cui puntavo già da un po': Assistente all’insegnamento alla lingua Italiana in Australia. La cosa è andata a buon fine e quindi, grazie all’università, mi sono trasferita a pochi chilometri da Melbourne. Al termine del periodo l’obiettivo principale era di concludere il percorso di studi, quindi sono rientrata in Italia e ho terminato gli esami.
Ma sono dell’idea che quando si comincia a viaggiare e a conoscere nuove realtà, si fa davvero fatica a fermarsi. È qui che si colloca il mio Erasmus Placement, grazie al quale ho svolto un tirocinio a Londra. Ho prolungato la permanenza per poter scrivere la mia tesi sulla Comunicazione Sociale e nello specifico su un’iniziativa chiamata The Big Issue, volta a dare supporto ai senza-tetto.
Sono rientrata in Italia e mi sono laureata. L’idea era di ripartire, ma come spesso succede, le cose cambiamo strada facendo.
La Prof. Kodilja mi ha indicato e suggerito un concorso bandito da Confindustria “Confindustria per i Giovani – 50 Giovani ad elevato potenziale”; ho inviato la candidatura e la selezione è andata a buon fine. Grazie a questo progetto ho avuto modo di svolgere un periodo di sei mesi tra attività di formazione a Roma e un tirocinio a Milano, presso l’Ufficio Comunicazione dell’Istituto Clinico Humanitas.
Al termine dei sei mesi mi è stato proposto un cambiamento di ambito e il passaggio alla funzione che tutt’oggi mi regala grandissime soddisfazioni: mi occupo di Risorse Umane, in una multinazionale. È un ambito davvero ricco, vario e stimolante; è un ambito che richiede una profonda capacità di ascolto e una forte attenzione alle persone.
Ripercorrendo gli ultimi anni, le parole chiave del mio percorso sono flessibilità, voglie di rimettersi in discussione e curiosità.
L’università ha contribuito a darmi l’apertura mentale, a rafforzare, tra le altre, le mie competenze relazionali e quelle linguistiche; mi ha consentito di mettermi alla prova e di confrontarmi con contesti molto diversi.
Per la mia personale esperienza ho riscontrato che è necessario crederci! L’università è stata il mio trampolino di lancio e mi ha davvero offerto delle possibilità che si sono rivelate fondamentali sia a livello professionale che personale.

Luglio 2008: Laurea Triennale in Relazioni Pubbliche indirizzo aziendale
Novembre 2011: Laurea Specialistica in Relazioni Pubbliche d’Impresa Da Novembre 2014: HR – Talent Management & Development Specialist presso Coesia Settembre 2012 – Ottobre 2014: Corporate HR - Training & Development Specialist presso Tenova (Techint Group) 2012: Progetto Confindustria per i Giovani "50 Giovani ad Elevato Potenziale" – Ufficio Stampa e Comunicazione presso Istituto Clinico Humanitas
2011: Erasmus Placement presso British International School London
2009-2010: Assistente all’insegnamento della lingua italiana in Australia
... leggi altre testimonianze